HAI VISTO L’ULTIMO?- Ernestina Aiolfi

Oggi ci racconterà il suo HAI VISTO L’ULTIMO? Ernestina Aiolfi, comunicazione interna di 3M Italia.

Ernestina parte subito affermando di non avere la televisione, quindi di non essere particolarmente sul pezzo per le ultime pubblicità on air, ma di trascorrere il suo tempo libero fra serie TV e cinema e proprio lì si è innamorata di ROMA, il film di Alfonso Cuarón, vincitore del leone D’Oro al 75ma Mostra Internazionale del Cinema di Venezia

“In quel bianco e nero è racchiusa tutta la maestria di Cuarón, a cui si aggiunge la magia del flusso di ricordi della sua famiglia, di un’epoca e di un Paese

Ma è il futuro della comunicazione che ci interessa e concordiamo con Ernestina nell’affermare che ci piacerebbe vedere più messaggi riferiti all’ambiente e alla sua tutela.

La responsabilità ambientale, per Ernestina, dovrebbe diventare un elemento importante nella comunicazione delle aziende per differenziarsi e dialogare con i propri consumatori, anche su questi temi, che fanno parte della nostro quotidianità.

Secondo voi, negli ultimi anni, quali sono state le campagne, che più si sono distinte in tema di tutela ambientale?

A noi di Movi&Co è piaciuto questo di Ikea

 

 

Annunci

STORIE DA BACKSTAGE – 72H TEMSI FILM CONTEST – PASTASCIUTTA

Fra una settimana, presso Fico a Bologna, durante la cerimonia per i 40 anni di Temsi, scopriremo il vincitore del 72H Temsi Film Contest.

ma manca ancora la presentazione di una squadra i Pastasciutta, formata da Enrico Galli, Angelo D’Anna, Leonardo Baldini e Silvia Pizzo.

Snapseed 2.jpg
Enrico Galli, Silvia Pizzo, Angelo D’Anna

Per loro il 72H Temsi Film Contest è stata l’occasione per lavorare insieme per la prima volta. Si sono infatti tutti conosciuti durante un corso di produzione e si erano ripromessi di lavorare insieme, una volta terminata la frequentazione del corso. E così è stato grazie a Movi&Co. e a Temsi.

Così, per ognuno di loro, alla difficoltà di realizzare un corto in sole 72h, si è aggiunta anche l’incognita di collaborare a stretto contatto con degli semi sconosciuti, sotto la pressione delle ore che passavano veloci. Insomma poteva trasformarsi in un weekend da incubo e invece…

“sicuramente non aver mai lavorato insieme ha rappresentato una difficoltà nella gestione delle 72 ore, ma allo stesso tempo per noi la soddisfazione più grande è stata quella di aver trovato la giusta sintonia per poter portare a termine la sfida e ci ricorderemo per sempre di questa nostra prima collaborazione come troupe”. 

I Pastasciutta durante l’evento di kick off hanno sorteggiato come genere cinematografico lo spy, il Cimitero della Certosa come location e la frase “per la miseria perchè urli così?

Il genere inizialmente li ha un po’ spiazzati, ma la location suggestiva li ha incoraggiati e ricaricati. Hanno da subito ragionato su quali potessero essere i topoi dello spy per poter ideare un cortometraggio che li racchiudesse tutti, nonostante ci fosse poco tempo per poter girare. Sicuramente se avessero avuto qualche giorno in più, si sarebbero concentrati molto di più sulla sceneggiatura e sulla pre-produzione e avrebbero potuto gestire gli imprevisti con più tranquillità. Ma nulla li ha scoraggiati, nemmeno l’attrice che non si è presentata e le batterie della camera che sono misteriosamente sparite.

Dal loro punto di vista hanno già vinto! Nonostante tutto hanno raggiunto gli obiettivi prefissati e hanno consegnato in tempo il loro cortometraggio: GRAVE.

 

Ora non resta che aspettare il decreto della giuria. Noi intanto incrociamo le dita e auguriamo un in bocca al lupo anche ai Pastasciutta!

STORIE DA BACKSTAGE – 72H TEMSI FILM CONTEST – M&D

Si avvicina la serata di Premiazione del 72H TEMSI FILM CONTEST, mancano ancora due storie da raccontare, oggi vi parliamo degli M&D, la squadra composta da: Marcello Montù, Giancarlo Morieri, Davide Lazzaro, Cesare Barbieri, Andrea Tessarin, Giacomo Manghi, Giulia Bonacini, Matteo Gharehbaghian, Dario Gharehbaghian e Davide Labanti.

Snapseed.jpg
Davide Labanti e Marcello Montù

Un gruppo affiatato, che lavora insieme da molto tempo e ha deciso di partecipare al Contest per fare qualcosa di divertente, non sapendo però a cosa andava incontro… ma procediamo con ordine!

Gli M&D il giorno del sorteggio pescano il genere action, come location i portici e San Luca e come frase “sono dovuto uscire prima della fine“.

Fino a qui tutto bene. Il genere è proprio quello che volevano, aggiungici un brainstorming intorno a un tavolo, con 4 birre, pane e mortadella e l’idea per il corto BORNOUT arriva facilmente.

Anche la location ideale per la sceneggiatura sembra facilmente accessibile, perchè si tratta di un’officina vecchio stile proprio sotto il quartier generale degli M&D.

Fantastico! Peccato che il proprietario sia un pazzo furioso (così lo descrivono gli M&D) e che abbia causato un sacco di disagi durante le riprese, regalando ai ragazzi momenti di tensione, ma anche di grande ilarità.

Gli M&D non entrano nel dettaglio di cosa sia accaduto, ma quello che ci hanno raccontato ci basta per capire che si è trattato di un set movimentato, del resto era pur sempre il set di un film action!

a un certo punto sono intervenuti anche due vicini di casa, inizialmente pensavano di dover intervenire per difendere il proprietario dell’officina, ma poi si sono resi conto della situazione paradossale e sono andati via dando del pazzo proprio a lui”.

Tutto è bene quel che finisce bene. Gli M&D sono riusciti a consegnare il loro corto, proprio allo scadere delle 72 ore e il proprietario dell’officina sarà invitato alla Premiazione!

Ovviamente gli M&D sono convinti di vincere, perchè: “dopo aver sfangato il proprietario della location, sfangheremo anche la giuria!”

Vedremo! Intanto in bocca al lupo anche agli M&D

 

 

STORIE DA BACKSTAGE -72 H TEMSI FILM CONTEST – MANHATTAN

Questa settimana conosciamo meglio i Manhattan, una delle cinque squadre protagoniste del  72H TEMSI FILM CONTEST che si è tenuto a Bologna nel weekend del 12-15 ottobre.

I Manhattan sono innanzitutto una squadra composta da amici, Camille Marteaux regia, montaggio e teamleader, Charlotte Trigari Dalschaert DOP e Edoardo Nanni per l’audio.

Snapseed (3).jpg
Qui  Camille Marteaux

Il giorno del Kick off, Camille ha sorteggiato il genere “commedia”, che nelle sue mani si è trasformato in una sceneggiatura alla francese che prende spunto dal teatro dell’assurdo.

Il gruppo non aveva aspettative sui sorteggi e sono stati più che soddisfatti di quello che hanno sorteggiato. Li preoccupava un po’ girare al mercato di mezzo ma alla fine l’impresa si è rivelata molto più semplice delle aspettative.

Il Colloquio, questo il titolo del corto, è una commedia degli equivoci che, proprio come le commedie del teatro dell’assurdo, offre agli spettatori rappresentazioni prive di qualsiasi  razionalità, lontano dal linguaggio logico e con azioni casuali e, appunto, assurdi.

“telefonami tra 20 anni, io adesso non so cosa dirti” è la frase che hanno sorteggiato. Per gli amanti della musica italiana è impossibile non cogliere la citazione alla canzone di Lucio Dalla.  L’unica citazione tra le linee di dialogo presentate, un piccolo omaggio che abbiamo voluto fare a una grande figura bolognese.

“Realizzare un Corto in 72 ore è stato davvero un’impresa difficile soprattutto nel montaggio e nella post produzione ma, ci ha permesso di mettere alla prova il nostro team e scoprire di essere un gruppo di lavoro affiatato  – ha detto Camille- perché quando il tempo è poco, il team è molto importante.”

Facciamo il nostro in bocca al lupo a I Manhattan!

Scopriremo il corto vincitore, votato da una giuria di esperti, il 22 novembre alla festa dei 40 anni di TEMSI presso FICO.

STORIE DA BACKSTAGE -72 H TEMSI FILM CONTEST – HUMAREELS

Nuova storia da backstage per conoscere i protagonisti del 72H TEMSI FILM CONTEST.

HUMAREELS è la squadra che vi presentiamo oggi, composta da: Domenico Pizzullo, Regia, Claudia Vavassori e Federico Giancola, DOP, Graziano Di Domenico, Fonico, , Montaggio, Alessio Festuccia, mix audio, Eleonora Corica, assistente di produzione.

Humareels è anche il nome dell’Associazione che i ragazzi hanno fondato 4 anni fa, con lo scopo di realizzare produzioni audiovisive ed eventi artistici per contribuire alla crescita culturale della città di Bologna.

Snapseed
Qui Mattia Biancucci, Domenico Pizzullo e Federico Giancola

Ma entriamo nel vivo della loro esperienza con il 72H Temsi Film Contest.

Loro avrebbero tanto sperato nella commedia, ma invece si sono dovuti cimentare con il NOIR.

Hanno così deciso di realizzare un corto, un noir anni ’70, totalmente incentrato su uno stallo. Un triello, che doveva contenere la frase “che ci fate voi due qui?” e ambientato nei pressi della finestrella di via Piella (altro indizio sorteggiato per il Contest), una sfida impegnativa, che li ha portati a lavorare per tutte le 72 ore, nonostante la febbre del regista e del fonico.

“Organizzare le riprese per questa idea non è stato semplice in così poco tempo: la ricerca dei costumi di scena e le prove di fotografia ci hanno impegnato per molto tempo, inoltre abbiamo girato in una delle zone più frequentate di Bologna e quindi abbiamo dovuto gestire anche i turisti affascinati dall’idea che ci fosse un set cinematografico” .

Per gli Humareels la soddisfazione più grande invece è stata quella di creare un gruppo di lavoro affiatato, aspetto da non sottovalutare quando si deve realizzare un progetto di questo tipo in così poco tempo.

La Cosa Giusta, questo il titolo del corto, è un film tutto incentrato appunto su uno stallo, uno dei cinema tropes più famosi, ma che richiede un’abilità attoriale, oltre ovviamente a quella di scrittura e di regia.

“La parte più divertente di queste 72h è stato sicuramente dover dirigere un attore professionista (il poliziotto) e contemporaneamente due attori che sono agli inizi. In generale il feeling creato fra tutti i componenti del set e il continuo scambio di idee in quelle 72 ore è il ricordo che ci portiamo a casa da questa esperienza”.

Ammettono che se avessero avuto un po’ più di tempo avrebbero girato diversamente l’ultima scena e aggiustato la voice over.  Penseremo a un contest più lungo per la prossima volta! 🙂

Intanto in bocca al lupo anche agli Humareels, chissà se saranno loro i vincitori proclamati il 22 novembre a FICO nella cerimonia di celebrazione dei 40 anni TEMSI!

 

STORIE DA BACKSTAGE -72 H TEMSI FILM CONTEST – I CALIFFI

Con il 72H TEMSI FILM CONTEST, il nuovo contest firmato Movi&Co., torna anche la rubrica: Storie da Backstage.

Le squadre hanno tutte vinto la sfida contro il tempo e sono riuscite a consegnare il loro corto realizzato in 72 ore!

Ma conosciamoli meglio.

Oggi parliamo de I Califfi Una squadra, un trio.

Snapseed
Qui Daniele Fermani e Elena Fammilume

Stiamo parlando di Daniele Fermani, Elena Fammilume e Carlo Bussi, 2 sono una coppia nella vita e 2 sono una coppia di lavoro; lasciamo al pubblico immaginare quali sono gli intrecci.

La sorte gli ha offerto il genere Documentario, la location di Santo Stefano e la frase “Cosa succede di particolare in autunno?”

Per quanto contenti di ciò che hanno sorteggiato, avevano in ballo una scommessa per cui pensavano di ricevere il genere Spy alla Finestrella di via Piella, combinazione di sorteggio che non c’è stato né per loro né per nessun altro.  Alla Finestrella di via Piella è stato girato il corto Noir, ma questa è un’altra storia e un’altra squadra.

Torniamo ai nostri I Califfi che hanno realizzato il Corto LUI. La storia di un uomo che ha subito un’ingiustizia, è stato scippato della cosa più preziosa al mondo, le sue idee.

L’intuizione per il concept del cortometraggio è nata a partire da un gioco  che li porta a creare e inventare brutti titoli dei film.

Qual è stata la difficoltà e la soddisfazione più grande in queste 72h?

“La difficoltà più grande è quella di riuscire a divertirsi davvero” ha detto Elena “e essere riusciti a farlo sul serio, collaborando senza litigare è stata la più grande soddisfazione”

“ci siamo divertiti molto tra di noi ma ci hanno aiutato anche un paio di vicini impiccioni: durante le riprese in terrazza si sono presentati in pigiama a controllare cosa stesse succedendo. Preoccupati che potessimo essere dei ladri in elicottero… eh già, avevano scambiato le luci del set per le luci di un elicottero.”

In un Contest di 72h il tempo è tiranno e il sonno di conseguenza è poco.  Oltre alla stanchezza, I Califfi, si portano nel cuore il fatto di aver concluso il corto nei tempi  e ovviamente anche Mariano, il simpatico e sventurato protagonista del Documentario.

Facciamo il nostro in bocca al lupo a I Califfi, scopriremo il corto vincitore, votato da una giuria di esperti, il 22 novembre alla festa dei 40 anni di TEMSI presso FICO.

 

 

 

 

72h TEMSI FILM CONTEST

logotemsi.png

72H Temsi Film Contest è il nuovo progetto targato Movi&Co, una sfida contro il tempo dedicata a 5 giovani registi di Bologna.

Temsi, società di consulenza con sede a Bologna, compie 40 anni e sceglie di celebrare questa ricorrenza con un’iniziativa speciale, che sottolinea il suo ruolo di sostenitore delle opportunità.

Grow your business, è il nostro pay off – spiega l’Ing Baraldi, socio fondatore di Temsi – da 40 anni siamo al fianco dei nostri clienti, li aiutiamo a crescere e a far emergere le loro qualità. Per questo importante anniversario abbiamo voluto supportare un altro tipo di crescita, quella dei giovani, dei loro sogni e delle loro capacità”

Temsi diventa così sostenitore del talento anche in ambito culturale e chiede a Movi&Co. di pensare a un’iniziativa che promuova la creatività legata al mondo cinematografico.

Nasce così il 72H Temsi Film Contest che si svolgerà a Bologna dal 12 al 15 ottobre.

5 squadre, scelte da Movi&Co. e capitanate ognuna da un regista bolognese, si incontreranno venerdì 12 ottobre nel centro di Bologna.

Lì sorteggeranno un genere cinematografico, una location della città, una linea di dialogo e un oggetto misterioso che dovranno assolutamente comparire nel loro film.

Lunedì 15 ottobre, 72 ore dopo, si ritroveranno nello stesso luogo per consegnare il cortometraggio finito.

Una corsa contro il tempo, un’esercizio di creatività, il tutto sotto l’egida di Temsi.

Solo 72 ore per ideare, sceneggiare, girare e post produrre un cortometraggio che verrà presentato durante l’evento di celebrazione dei 40 anni Temsi, il 22 novembre, occasione in cui sarà anche decretato il vincitore, scelto da una giuria di esperti del mondo del cinema e che riceverà un premio di 2000 euro.

L’intero Film Contest sarà raccontato live sui social network di Movi&Co.

facebook_255511.png

kisspng-logo-computer-icons-clip-art-instagram-logo-5ac51f36a6c818.6764114215228680226832.jpg

Apps-Linkedin-icon.png

 

Stay tuned, Movi&Co is back!